il calendario di "Io decido"

martedì 31 maggio 2011

giovedì 26 maggio 2011

Passeggiata urbana della democrazia diretta


Per decidere insieme la città che vogliamo
Per aver voce nelle scelte del presente e del futuro
Perché la città è dei cittadini: vive dei saperi, dei talenti, dei desideri reali di donne e uomini, giovani e anziani, delle reti di vicinato e solidarietà, del saper costruire tessuto sociale. Noi, associazioni, comitati, singole e singoli cittadini di Venezia, abbiamo aderito alla “Prima settimana della democrazia diretta” per migliorare la democrazia italiana e ricreare la coscienza del nostro importante ruolo rispetto alle istituzioni, diffondendo la conoscenza sugli strumenti di Democrazia Diretta che esistono e funzionano da molti decenni nel mondo e per ottenere concreti strumenti di partecipazione dei cittadini alla politica comunale e regionale.
Per dare visibilità alla voce della cittadinanza e alle sue risorse, abbiamo scelto di sfilare lungo la città, seguendo un percorso che pone al centro alcuni luoghi reali di aggregazione e le persone che rendono viva la città.
le associazioni
AEres, ANFFAS di Venezia, Associazione Dacia, Associazione Spiazzi, Artisti Artigiani Associati, Centro studi Donne per la Pace, Cooperativa NonSoloVerde, Cooperativa sociale Aquaaltra, Comitato Arsenale, Coordinamento delle Associazioni ambientaliste del Lido, Coordinamento Io Decido, Emergency Venezia-Mestre, Estuario nostro, Il Filò, Fondamente, Geografia di Genere, Il Granello di Senape, Laboratorio Morion, Macramè, Olivolo, Rio Terà dei Pensieri, Rete oltre cambieresti, S.a.L.E. Docks, Settima Stanza, TrekkingItalia Venezia, Un Faro per Venezia, Venezia Città Aperta, Waves.
Venezia, lunedì 30 maggio 2011

Sito di approfondimento
http://retecivicaitaliana.it/le-iniziative/democrazia-diretta

Democrazia diretta: cosa si muove in città?
A Venezia, il coordinamento Io Decido è nato per stimolare l’avvio di processi di democrazia partecipativa perché insieme si fanno scelte migliori.
In questi mesi abbiamo proposto alcuni emendamenti allo Statuto Comunale volti all’introduzione di processi partecipativi, alla trasparenza e informazione sull’azione amministrativa, alla creazione di percorsi certi per l’accoglimento delle proposte e delle istanze dei cittadini.
Abbiamo richiesto l’avvio di processi partecipativi (informazione, accessibilità dei dati e partecipazione all’iter decisionale) su alcuni specifici temi:
Mobilità: chiediamo all’assessore Ugo Bergamo di illustrare i progetti sulla mobilità (percorsi ciclabili, sub lagunare, tram, Tav, metropolitana di superficie) in una mostra itinerante nelle sedi delle Municipalità in modo che i cittadini siano informati e possano pronunciarsi.
Area San Giobbe: chiediamo all’assessore Ezio Micelli che avvii, come stabilito dalla delibera comunale, un processo di progettazione partecipata per i duemila metri quadri di spazi coperti dedicati ad “attrezzature di interesse generale al cittadino”, che saranno realizzati e/o attrezzati dall’Università in accordo con il Comune, organizzando incontri con la cittadinanza per ascoltare desideri, bisogni, e idee.
Teatrino e luoghi di Villa Groggia: chiediamo alla Municipalità di organizzare una assemblea per ascoltare idee e suggerimenti per la piena restituzione alla città di tutti i luoghi di Villa Groggia.
Ogni forma associativa ed ogni cittadino sono invitati ad unirsi all’assemblea che si riunisce solitamente ogni lunedì dalle ore 17.30 alle ore 19.30 a Cà Badoer, San Polo 2468. Vi aspettiamo!
Perché la democrazia è un bene comune!

info: http://iodecido.blogspot.com
coordinamento.io.decido@gmail.com

mercoledì 18 maggio 2011

Settimana della Democrazia Diretta



Periodo: Dal 23 maggio al 2 giugno 2011, data della festa della Repubblica, che è nata grazie ad un referendum.

Obiettivo generale
: “informare” il cittadino circa gli strumenti innovativi di democrazia diretta e partecipativa che esistono nel mondo, facendogli conoscere i suoi diritti e doveri previsti dalla Costituzione italiana e gli aspetti positivi della democrazia diretta vista come integrazione indispensabile della democrazia rappresentativa per rendere la nostra democrazia completa e integrale.

Puntare a lungo termine alla possibilità di migliorare nella nostra legislazione nazionale l'iniziativa (chiamata anche referendum propositivo) e il referendum facoltativo confermativo (ogni nuova legge emanata dal parlamento, prima di entrare in vigore può essere sottoposta a un referendum popolare se vengono raccolte le firme necessarie nel tempo stabilito). Il tutto con l'abolizione del quorum dei votanti, come negli altri paesi a democrazia diretta più avanzata.
In altre parole dotare i cittadini di acceleratore e di freno dell'azione legislativa dando loro la possibilità di avere potere decisionale nell'agenda politica.

Obiettivi specifici della settimana della democrazia diretta:

A1 -In generale far crescere la consapevolezza dei cittadini circa il fatto che sono anche "sovrani". Far conoscere le esperienze esistenti in altri stati in cui la democrazia diretta funziona e gli effetti benefici che comporta. Far conoscere gli appigli della Costituzione su cui possiamo poggiare le nostre richieste (es. le ultime revisioni costituzionali italiane). Illustrazione dei possibili regolamenti per avere più democrazia a livello comunale, regionale e nazionale.

A2 - A breve termine puntare a formare gruppi di cittadini (Liste civiche, associazioni e comitati locali, movimenti ecc.) che promuovano concretamente la democrazia diretta a livello del loro comune (o provincia o regione) dando loro degli strumenti concreti per fare una analisi critica del proprio statuto comunale e attuare una campagna locale per introdurre strumenti di Democrazia Diretta efficaci con la possibilità di promuovere / cassare atti amministrativi della propria amministrazione.

A3 - Creare / estendere la rete per la Democrazia Diretta esistente ad altri gruppi locali affinché ci si sostenga a vicenda con l'obiettivo di arrivare in tempi "non geologici" a strumenti avanzati di democrazia diretta in Italia (quorum zero, iniziativa, referendum facoltativo confermativo).

sabato 14 maggio 2011

Vivere meglio con più democrazia


Guida alla Democrazia Diretta per cittadini attivi e cconsapevoli.
Scaricabile in rete un libro scritto con passione a più mani, con l'obiettivo di far conoscere la democrazia diretta e di dare strumenti per poter agire concretamente nei propri comuni e regioni. Ricco di idee e di documenti modificabili con un semplice computer.










http://docs.google.com/viewer?a=v&pid=explorer&chrome=true&srcid=0B3VJtb29pkaMWU0NzNiY2MtMTExMi00NjJjLWI3N2UtNDMyMDkxYjhhZGE1&hl=it